Joomla TemplatesWeb HostingWeb Hosting
Il leader del centrodestra

11 gennaio 2018

Fai clic per leggere AnalisiPolitica su
©2018 - Riproduzione Riservata

______________________________________________________________________

 
Voto utile: nessuno aiuta il centrosinistra

6 gennaio 2018

Fai clic per leggere AnalisiPolitica su
©2018 - Riproduzione Riservata

______________________________________________________________________

 
Gli elettori di sinistra sono affranti: perderanno

3 gennaio 2018

Fai clic per leggere AnalisiPolitica su
©2018 - Riproduzione Riservata

_______________________________________________________________________

 
Sul fine vita

 

14 dicembre 2017



di Arnaldo Ferrari Nasi

In concomitanza al voto finale sul biotestamento, AnalisiPolitica ripropone, accompagnati da una sintetica scheda, alcuni dati relativi alla tematica del "fine vita".

 

 

 


Il dato del 2015 viene confermato da quanto rilevato nel 2013 (74%) e 2011 (72%), con una tendenza alla crescita.

A livello sociale, si evidenziano maggiori consensi (82%-85%) tra le donne, nella fascia dai 35 ai 55 anni, tra i titoli di studio medio-alti, nelle aree con Pil più elevato.

Tra chi si definisce "molto religioso" il dato è del 68%.

Mentre le opinioni dell'area di centrosinista sono tenzialmente omogenee, nel centrodestra di assiste ad una differenziazione, soprattutto per chi si ritiene "molto d'accordo", sintetizzabile nel 64% di chi si definisce di destra-destra e nel 30% di chi si definisce di centro-destra. Il dato generale del centrodestra rimane comunque in linea con la media nazionale.

CONSIDERAZIONI Soprattutto in relazione alla destra-desta, il fenomeno è da approfondire, ma sembrerebbe che l'opinione sul cosiddetto fine vita sia oggi meno vincolata al sistema etico di chi considera, come punto fermo, la vita quale immancabile valore primario. Probabilmente la chiave delle risposte è da leggere nella parola "decidere". Ci sono situazioni personali, socialmente trasversali, che le persone regolano su loro stesse senza fare appello a sentimenti "comunitari", cioè politico-ideologici. Di conseguenza, affermazioni di terzi sul tema del dolore estremo, rischiano di risultare avverse a chi sta soffrendo o a chi gli sta vicino. E' lo scontro fra "etica", come comportamento individuale, e "morale", ovvero le indicazioni valoriali generali che dovrebbero essere alla base di una comunità. quando si precipita in una situazione, come solo quella di avere a casa un genitore con l'alzheimer avanzato, ogni persona responsabile vuol poter decidere secondo la propria etica.


 
Toghe politicizzate per due italiani su tre

8 dicembre 2017

Fai clic per leggere AnalisiPolitica su
©2017 - Riproduzione Riservata

_______________________________________________________________________

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 26